Stampa questa pagina

1950 | Ferdinando Simi vince il primo titolo italiano assoluto nel triplo

Il martellista gialloverde Ruggero Castagnetti sul podio dei Campionati Mondiali Militari CISM vinti per quattro anni dal 1950 al 1953 Il martellista gialloverde Ruggero Castagnetti sul podio dei Campionati Mondiali Militari CISM vinti per quattro anni dal 1950 al 1953 Foto archivio Fiamme Gialle

È questo l’anno dei Campionati mondiali di sci di Aspen (Colorado). Il protagonista dell’evento fu il mitico Zeno Colò che vinse, nella stessa edizione, due medaglie d'oro (discesa e slalom gigante) ed una d'argento (slalom). Un tripudio sia per il risultato che per l’atleta che divenne uno degli sciatori italiani più forti di tutti i tempi, primatista mondiale del chilometro lanciato e campione

mondiale e olimpico degli anni ‘50.

Lo sci Fiamme Gialle, per merito di Giacomo, Bruno e Guido Mosele, vinse per la terza volta il titolo nazionale di seconda categoria nella 4x10km, mentre Giacomo, il “barba”, vinse pure il titolo di seconda categoria nella 15 chilometri. La ripresa era oramai avviata ed entrano nelle fila del Gruppo Sciatori anche i saltatori Piero Pertile e Luigi Pennacchio, i fondisti Marco Delli Zotti, Dario Nicolini ed i discesisti Nazzareno Angelini e Raffaele del Castello.

Intanto nei Reparti di Istruzione della Guardia di Finanza, come materia di insegnamento, fece il suo ingresso anche il judo. Iniziò così, per questa disciplina, il lungo percorso che la porterà ad essere annoverata, nel 1965, tra gli sport praticati a livello agonistico dalle Fiamme Gialle.

Nell’atletica leggera i protagonisti furono molti e tra questi spiccano i nomi di Gianni Corsaro, di Giulio Chiesa, che conquistò il titolo di Campione Mondiale Militare CISM, di Ferdinando Simi, che nel salto triplo vinse il primo titolo italiano assoluto per le Fiamme Gialle fissando la sua misura in 14.37, di Castagnetti, che confermò il suo valore nel lancio del martello e vinse pure il titolo mondiale militare, e di Michele Mondelli che nella velocità iniziava ad essere uno dei protagonisti dell’epoca. Con questi atleti, e con la squadra al completo, le Fiamme Gialle si classificarono al secondo posto nel campionato di società subito dietro alla Ginnastica Gallaratese.