Atletica

News
Domenica, 02 Luglio 2017 15:56

C.ti italiani assoluti Trieste: le Fiamme Gialle conquistano la Coppa Italia. 6 vittorie individuali per gli atleti gialloverdi

Questo fine settimane si sono svolti a Trieste i Campionati Italiani assoluti individuali 2017. A conclusione di queste tre giornate di gara è stata assegnata la Coppa Italia, trofeo che vale il diritto di partecipazione alla Coppa Campioni per club del 2018. Per l'ottava volta consecutiva sono stati gli uomini delle Fiamme Gialle e le donne dell'Esercito a vincere questo importante riconoscimento. I finanzieri hanno conquistato 6 vittorie individuali (200m, 400m, lungo, giavellotto, 4x100, 4x400) precedendo con 156 punti Aeronautica (118) e Fiamme Oro Padova (80).
Il campione italiano dei 200 metri è, come lo scorso anno, sempre Eseosa Desalu che si conferma alla grande sul mezzo giro di pista con un tempo che fa sensazione: 20.32. Sarebbe il suo secondo miglior risultato di sempre, ad un centesimo dal PB e abbondantemente sotto il 20.44 dello standard di iscrizione per i Mondiali di Londra. Purtroppo - come era successo già ieri nella finale dei 100 metri - il dato dell'anemometro (+2.2) inficia la bella impresa di "Fausto", terzo duecentista azzurro alltime dopo Pietro Mennea e Andrew Howe.
Nel salto in lungo il duello del giorno è tra i due finanzieri Filippo Randazzo e Kevin Ojiaku, entrambi entrati quest'anno nel club degli ottometristi azzurri. 7,95 (+1.1) e primato personale outdoor per Randazzo (+19 centimetri) e 7,88 (+1.4) per Ojiaku che quasi si ripete al quarto turno con 7,87 (+0.6), ma poi deve arrendersi ai crampi. Per il 21enne siciliano Randazzo, settimo agli Euroindoor di Belgrado e al rientro dopo lo stop di giugno per un problema fisico, è il secondo titolo assoluto della sua giovanissima carriera e fa il paio con la vittoria del 2015 a Torino.

Sui 400 metri Davide Re conferma il pronostico da favorito e corre a mettersi la maglia di campione italiano in 46.07, a 7 centesimi da una nuova incursione nella fascia dei 45 secondi. Terzo posto per l'altro finanziere, il campione italiano indoor Marco Lorenzi, che corre in 46.57 realizzando il primato stagionale.
Nel lancio del giavellotto la scena è stata tutta per il 24enne veneto Mauro Fraresso che con 77,36 (terza spallata in carriera) ha portato a casa una vittoria che fa il paio con il titolo invernale di febbraio.
La terza serie della staffetta 4 x 100 metri ha riproposto l’ennesima sfida tra le Fiamme Gialle e l’Atletica Riccardi Milano 1946. A Rieti 2016 vinsero nettamente i milanesi, nell’ultima rassegna indoor prevalse il team gialloverdi per pochi centesimi: stavolta sono ancora i finanzieri a imporsi sull’abbrivio delle belle frazioni centrali dei duecentisti Eseosa Fausto Desalu e Diego Marani. Il quartetto, completato da Lorenzo Valentini in prima e Delmas Obou a chiudere, vince in 40.03; la Riccardi 1946 (Federico Cattaneo, Giacomo Tortu, Simone Tanzilli, Wandeson Polanco) è seconda con 40.09; terzo il Cus Palermo (Antonio Parlato, Giuseppe Santamaria, Andrea Spezzi, Federico Ragunì) in 40.81.

Marco Lorenzi, Michele Tricca, Lorenzo Valentini e Davide Re confermano i pronostici che li proiettavano come probabili vincitori della staffetta 4 x 400 metri, vincendo agilmente la gara con un buon riscontro cronometrico di 3'06''90.

Degna di nota anche la prova realizzata sugli 800 metri dalla juniores Martina Tozzi, portacolori delle Fiamme Gialle G.Simoni. La diciottenne cresciuta da sempre nel vivaio gialloverde ha centrato la finale sugli 800 metri, chiudendo in ottava posizione con il nuovo primato personale sulla distanza di 2'06"20.