Pattinaggio su Ghiaccio

News

Menù Pattinaggio su Ghiaccio

Domenica, 09 Gennaio 2022 16:35

Europei pista lunga: ad Heerenveen si chiude con Giovannini 5° nella mass start e Rosanelli 9° nei 500 metri.

Jeffrey Rosanelli in azione Jeffrey Rosanelli in azione ph. ISU

Debutto col botto fra i grandi della velocità per il neo-finanziere Jeffrey Rosanelli, che conquista il 9° posto assoluto nei 500 metri agli Europei di pattinaggio velocità su pista lunga di Heerenveen (Paesi Bassi). Nel tempio mondiale della disciplina, la Thialf Arena, il trentino allenato dall'olimpionico Matteo Anesi ha fatto segnare un ottimo 35”117 nella gara vinta dal polacco Piotr Michalski con il tempo di 34”602. Rosanelli, miglior azzurro in classifica, è stato protagonista nella 5^ batteria, accoppiato al tedesco Joel Dufter finito poi al 7° posto (34”995). Il secondo finanziere in gara sulla distanza più breve del programma sprint, il veneziano Mirko Giacomo Nenzi, ha chiuso al 15° posto con il crono di 35”638.

CLASSIFICA

Nella “sua” mass start, l’ultima gara del programma dell’Europeo 2022, quella che in Coppa del Mondo gli ha regalato le maggiori soddisfazioni a livello individuale, il nostro Andrea Giovannini chiude con un amaro 5° posto dopo una gara in crescendo che l’ha visto prima sornione a centro gruppo marcare i favoriti Bergsma e Swings, e poi straordinaria locomotiva negli ultimi due giri, quando si è presentato in testa all’ultima curva prima di venir risucchiato dagli avversari a poche decine di pattinate dalla linea d’arrivo. Giovannini ha chiuso in 7’33”770 la gara vinta, sul filo di lana, da Bart Swings in 7’33”030. Fra il finanziere trentino e il campione belga troviamo al secondo posto lo svizzero Livio Wenger 7’33”170, al terzo il russo Ruslan Zakharov 7’33”510 e ai piedi del podio il norvegese Kristian Ulekleiv 7’33”670, tutti racchiusi in meno di 7 decimi di secondo. Una mass start spettacolare, non adatta ai deboli di cuore, interpretata egregiamente dal nostro Giovannini, al quale sono un po’ mancate le forze sul rettilineo finale dove non è riuscito a sferrare la zampata decisiva in chiave-medaglia, probabilmente perchè scattato con leggero anticipo. I carichi di allenamento in ottica Giochi di Pechino 2022 sono ancora nelle gambe del pattinatore pinetano, che ha però tutte le carte in regola per essere ancora protagonista all’ormai imminente evento a cinque cerchi.

CLASSIFICA