Sport Invernali

News
Venerdì, 24 Dicembre 2021 09:30

Pechino 2022: consegnato il Tricolore a Sofia Goggia e Giacomo Bertagnolli.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale gli atleti italiani in partenza per i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Pechino 2022. La rappresentanza, composta anche da tecnici e dirigenti, era guidata dal Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò e dal Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli. Nel corso della cerimonia, aperta dall’Inno nazionale eseguito da alcuni elementi della Junior orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, sono intervenuti il Presidente Malagò, il Presidente Pancalli e la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Valentina Vezzali.

Durante il suo discorso, il Presidente della Repubblica si è rivolto all'intero movimento, salutando le delegazioni presenti con l'affetto che da sempre lo rende il primo tifoso del movimento. "Con alcuni di voi ci siamo incontrati altre volte e anche idealmente nei video di presentazione di Milano-Cortina 2026. A Pechino sarete accompagnati dall'affetto degli italiani. Sarà un'avventura affascinante e l'augurio che vi faccio é di cogliere anche questa straordinaria occasione. Avete tante aspettative ma quella più importante è di confrontarsi con nuovi orizzonti, sfidando i limiti. Complimenti e auguri. Lo sport di eccellenza rappresenta il Paese ed è fondamentale perché avvicina i giovani alla pratica sportiva, alimentando un giacimento di nuovi campioni per il futuro. Vorrei sottolineare anche i meriti dello sport paralimpico, in questi anni è cresciuto molto grazie ai protagonisti che lo fanno eccellere. Rappresentate davvero il Paese, olimpici e paralimpici. L'anno d'oro dello sport italiano, che certamente proseguirà nell'anno che sta per aprirsi, è stata una risposta di speranza e ottimismo offerta all'Italia. Avete smentito uno stereotipo, infondato, quello di un popolo indisciplinato, confuso con la creatività che invece ci ha aiutato a reagire alle difficoltà pandemiche. Avete in questo rappresentato tutti noi. Non vi dirò che ci aspettiamo tante medaglie ma che onoriate il nostro Tricolore e sono sicuro che lo farete. E avrete tutto il nostro sostegno".

Successivamente, il Presidente Mattarella ha consegnato la Bandiera italiana all’Alfiere della squadra Olimpica, Sofia Goggia e all’Alfiere della squadra Paralimpica, Giacomo Bertagnolli. E’ la prima volta che Olimpiade e Paralimpiade avranno due Portabandiera appartenenti allo stesso Club, una soddisfazione enorme per le “Fiamme Gialle”, rappresentate all’evento (oltre che da Sofia e Giacomo) anche da Luca De Aliprandini, Alessandro Pittin, Nicol Delago, Andrea Ravelli, Martina e Arianna Valcepina, Andrea Cassinelli, Pietro Sighel e Michele Malfatti.

Emozionante e profondo l’intervento di Sofia Goggia, che ha sciorinato un discorso da numero uno, con una proprietà linguistica degna della sua classe agonistica, andando veloce - come fa in pista - stavolta dritta nel cuore della gente. "Presidente, mi piace pensare che questo ruolo non parta solo dall'oro olimpico. Ricordo la telefonata dopo l'infortunio subito prima dei Mondiali di Cortina. Mi esortò a guardare oltre, a cercare nel mio cuore per trovare la forza di superare gli ostacoli. Quando ho ricevuto la telefonata del Presidente Malagò era orgogliosa e anche un po' impaurita. Essere Portabandiera non vuol dire solo sventolare il Tricolore ma essere garante di valori etici e non solo sportivi. Sono emozionata ma le prometto che cercheremo di dare il meglio e di onorare il ruolo che rivesto orgogliosamente".

Giacomo Bertagnolli, dopo aver ringraziato il Presidente Mattarella, ha dichiarato: “Mi ritrovo con il Tricolore a rappresentare il nostro movimento. Questa bandiera rappresenta i miei colleghi e tutto il movimento paralimpico, daremo il massimo per portare a casa i risultati ma soprattutto perché vogliamo raccontare le nostre storie che a molti sfuggono".

A margine dell’incontro avvenuto al Quirinale, i nostri atleti, accompagnati dai Presidenti del Comitato Olimpico e Paralimpico, sono stati ricevuti, presso il Salone d’Onore del Comando Generale della Guardia di Finanza, dal Comandante Generale, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, che ha voluto salutare affettuosamente una rappresentanza dei nostri portacolori alla vigilia dell’importante missione a cinque cerchi.

 

Video