Sport Invernali

News
Venerdì, 17 Dicembre 2021 13:21

Coppa del Mondo sci alpino: Innerhofer in zona-punti nel supergigante della Val Gardena. Vince il norvegese Kilde.

Innerhofer in gara oggi sulla Saslong con il casco dedicato a Valentino Rossi Innerhofer in gara oggi sulla Saslong con il casco dedicato a Valentino Rossi ph. Elvis

Il “Circo Bianco” dello sci alpino maschile è sbarcato sulle nevi della Val Gardena, in Alto Adige, per il primo atto della due-giorni di gare all’ombra del Sassolungo. In attesa della discesa libera di domani, oggi si è disputato il supergigante, una gara che ha visto subito protagoniste le grandi firme, vinta dal campione norvegese Aleksander Aamodt Kilde davanti agli austriaci Matthias Mayer (+0”22) e Vincent Kriechmayr (+0”27). Con il suo 6° posto a 80 centesimi dal vincitore, Dominik Paris è il migliore degli azzurri mentre il nostro Christof Innerhofer, nel giorno del suo 37° compleanno, chiude 28° a +1”65 al termine di una buona prova, senza gravi errori, su una pista dal fondo non troppo adatto alle caratteristiche del finanziere altoatesino, amante del ghiaccio vivo e di curve dall’angolo molto pronunciato. Una pista che, ad onor del vero, si è velocizzata con il passare dei concorrenti (Christof partiva oggi con un pettorale molto basso, il 2). Il nostro “Inner” ha voluto celebrare il suo compleanno gareggiando con un nuovissimo casco dedicato al suo idolo Valentino Rossi, il campione di motociclismo recentemente ritiratosi dalla MotoGp. Il casco, completamente giallo, è stato serigrafato con il celebre 46, il numero che ha accompagnato tutta la carriera di Rossi, e con la scritta sul retro “Grazie Vale!”. Oggi sulla “Saslong” è sceso in pista anche il giovane gialloverde Matteo Franzoso, schierato in Coppa del Mondo dopo il successo nel supergigante del circuito Continentale a Zinal, che ha concluso a +2”78 da Kilde portando a casa, più che il distacco relativamente “pesante”, tanta esperienza fra i mostri sacri della velocità.

Innerhofer in azione con il casco dedicato a Valentino Rossi (ph. Elvis)

Matteo Franzoso (ph. Elvis)