Atletica

News
Martedì, 04 Luglio 2017 15:55

Tamberi sale a 2,28 a Budapest. Benedetti 1’46’’09 sugli 800 metri.

Il campione del mondo indoor di salto in alto - tre giorni dopo la bruciante trasferta senza misura in IAAF Diamond League a Parigi - oggi si è ripresentato in pedana al Memorial Istvan Gyulai di Székesfehérvár, vicino Budapest. L'azzurro - a quasi un anno di distanza dal brutto infortunio al meeting di Montecarlo e dopo due operazioni - è tornato brillantemente a saltare a quota 2,28. Otto centimetri meglio del 2,20 di Ostrava che fin qui rappresentava il season best. Primi step della progressione 2,10 e 2,15, facili e senza esitazioni. A 2,20 mister HalfShave incappa in un paio di incertezze, ma oggi il recordman azzurro non vuole arrendersi qui: un bel respiro, la clap del pubblico ed ecco fatta la misura. Da qui la gara del marchigiano delle Fiamme Gialle cambia volto ed ogni salto è un boato. Si sale ancora: 2,26 alla seconda prova, 2,28 va subito a segno ed è in perfetto stile "Gimbo". "Stand Up!" dice rivolgendosi al pubblico per darsi la carica. Riecco il "Tamberi-show" che dopo ogni salto corre a dare il cinque a tutta la prima fila di spettatori. Il 2,30 oggi non arriva, ma il campione europeo in carica è terzo dietro due grandi avversari come l'ucraino, bronzo olimpico a Rio, Bohdan Bondarenko (2,30) e il connazionale Andriy Protsenko (2,30).

Nello stesso Meeting internazionale quinto posto per Giordano Benedetti sugli 800 metri. Il 28enne delle Fiamme Gialle ha corso in 1:46.09, arrivando così vicino allo standard di iscrizione per i Mondiali di Londra fissato a 1:45.90. Per il mezzofondista trentino è il sesto risultato in carriera, oltre che il suo miglior crono dal 2015 e quindi primato stagionale. L’azzurro, secondo ai recenti Europei a squadre di Lille, è rimasto nel cuore del gruppo durante le fasi iniziali passando a metà gara intorno a 52.3 e poi è riuscito a chiudere in spinta, recuperando una posizione nel finale. Vittoria del fuoriclasse keniano David Rudisha, olimpionico e primatista mondiale, al traguardo in 1:44.90.