Sport Invernali

News
Venerdì, 11 Ottobre 2019 13:54

Al Festival dello Sport di Trento fari puntati sui Giochi Olimpici invernali del 2026

Al Festival dello Sport di Trento fari puntati sui Giochi Olimpici invernali del 2026 ph. Elvis

Il Festival dello Sport di Trento ha celebrato oggi l’Olimpiade italiana del 2026. Tanti campioni e medagliati olimpici, tante Fiamme Gialle, a partire da Franco Nones e Gustav Thoeni, fino ai campioni dei giorni nostri come Sofia Goggia e Giacomo Bertagnolli che hanno colorato di emozione la mattinata al Teatro Sociale. È stata l’occasione per ripercorrere i retroscena della candidatura italiana che a Losanna ha battuto quella svedese e ha permesso all’Italia di potersi giocare in casa una nuova Olimpiade invernale, dopo quelle di Cortina ‘56 e di Torino 2006. Milano-Cortina sarà la nuova sfida per l’organizzazione italiana e per gli atleti di casa.

Proprio di questo argomento ha parlato il Presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, Flavio Roda, che ha partecipato all’evento. “Per l’Italia arrivano anni importanti - ha detto Roda -, già nel 2020 ci saranno i Mondiali di biathlon ad Anterselva e le Finali di Coppa del mondo di sci alpino a Cortina. Nel 2021 Cortina ospiterà i Mondiali di sci alpino poi la corsa olimpica fino al ‘26. È evidente che il lavoro che la Federazione deve portare avanti e quello di onorare al meglio gli impegni più vicini, ma lavorare molto sui giovani per poterli portare ad essere competitivi per l’Olimpiade italiana. E la FISI sta investendo sui giovani già da anni”.
La carrellata dei grandi campioni è proseguita per tutta la mattinata con nomi quali Stefania Belmondo, Gabriella Paruzzi, Pietro Piller Cottrer, Claudia Giordani, Daniela Ceccarelli, Cristian Zorzi, Gunther Huber, Gerda Weissensteiner, Manuela Di Centa e Paoletta Magoni.