Canottaggio

News
Giovedì, 29 Agosto 2019 14:36

Mondiali Assoluti di Linz (AUT): il quattro di coppia delle Fiamme Gialle stacca il pass per Tokyo 2020

E’ arrivato il primo pass olimpico per i canottieri delle Fiamme Gialle. A conquistarlo il quattro di coppia senior di Giacomo Gentili, Luca Rambaldi, Andrea Panizza e Filippo Mondelli. I quattro gialloverdi vincendo la semifinale e accedendo in finale per la lotta per le medaglie, hanno acquisto di diritto il pass olimpico, riservato ai primi 8 quattro di coppia classificati. Con il biglietto per Tokyo 2020 in tasca, il quartetto azzurro può ora concentrarsi sulla finale e ambire a posizioni importanti.

Quello austriaco è il Mondiale più difficile del quadriennio olimpico, perché, oltre al Titolo e alle medaglie, sono in palio i pass olimpici per Tokyo 2020.

La prima delle Fiamme Gialle a scendere in acqua, impegnata nella semifinale del doppio Pesi Leggeri femminile, è stata Valentina Rodini in coppia con Federica Cesarini (C. Gavirate/Fiamme Oro). Una gara al limite dell’immaginario, in quanto, per oltre 1000 metri, sei imbarcazioni allineate si davano battaglia con un distacco inferiore a 2 secondi. Superata la metà della gara, Olanda e Gran Bretagna passano in testa iniziando la fuga, con Romania, Italia, Usa e Sud Africa appaiate in meno di un secondo, in lotta per il terzo e ultimo posto utile per il passaggio del turno. Negli ultimi 500 metri il ritmo si fa incandescente e l’Italia prova il tutto per tutto per non lasciare andare la Romania che resiste e chiude in terza posizione. Le Azzurre, quarte sul traguardo, vanno in finale B dove avranno la possibilità di staccare l’ultimo pass a disposizione per continuare la strada verso Tokyo 2020.

Il quattro di coppia senior femminile con a bordo la gialloverde Clara Guerra insieme a Ludovica Serafini (CC Aniene), Silvia Terrazzi (SC Arno) e Chiara Ondoli (CC Aniene), nel recupero per l’accesso in finale, si ferma in terza posizione sfiorando per soli 37 centesimi il passaggio del turno. Non è ancora finita per le Azzurre che, escluse dalla lotta per le medaglie, nella piccola finale possono ancora inseguire il sogno olimpico, riservato alle prime due Nazioni classificate.

Sfuma il sogno olimpico per l’otto senior dei gialloverdi Leonardo Pietra Caprina (Fiamme Gialle/CC Aniene), Mario Paonessa, Emanuele Fiume (Fiamme Gialle/Pro Monopoli) e Paolo Perino in barca con Cesare Gabbia (Marina Militare/SC Elpis), Emanuele Liuzzi (Fiamme Oro), Luca Parlato (Marina Militare), Davide Mumolo (Fiamme Oro/SC Elpis), e al timone Enrico D’Aniello (Fiamme Oro/RYCC Savoia). L’ammiraglia azzurra non ha potuto nulla contro lo strapotere dell’Olanda che, in testa dalle prime palate, ha mantenuto un ritmo devastante per tutto il percorso. Solamente la Nuova Zelanda è riuscita a tenere il passo e a conquistare la finale insieme agli Orange. Canada e Romania sono crollate nell’intento di tenere le velocità delle imbarcazioni di testa mentre l’Italia ha faticato a trovare la giusta velocità.