Atletica

News
Venerdì, 10 Agosto 2018 12:25

Berlino. Desalu 6to sui 200m in 20.13!!

BERLINO. 

Durante la terza giornata di gare dei Campionati Europei di Atletica Leggera, il Finanziere Desalu rischive la storia dei 200m. Corre vicinissimo alla storica barriera dei 20'', giungendo 6sto nella finale più veloce di tutti i tempi in Campionato europeo. 20.13 il tempo finale che lo proietta in una nuova dimensione atletica. Davanti a lui nelle liste italiane ALL-TIME solamente il mito Mennea. 

Partenza rivedibile e un lanciato stratosferico per il Fausto che recupera metri su metri nella parte conclusiva della gara. Ecco le dichiarazione in "zona mista": “Ho corso senza pressioni - sorride Fausto Desalu - perché non dovevo dimostrare niente a nessuno. La settima corsia è ottima per me, posso fare la mia gara senza guardare gli altri. All’uscita di curva ho visto gli avversari passarmi davanti e ho temuto che il crono finale non sarebbe stato così buono, ma ho cercato di rimanere sciolto. Quando è uscito il tempo di 20.13 ero soddisfatto ma non ci credevo tanto, devo ancora realizzare. Non pensavo di reggere così bene la fatica dei tre turni ed è un bel passo avanti che la dice lunga per il futuro. Ci ho messo dentro tanta voglia di fare e la serenità di un atleta che arriva qui solo perché correre è la cosa che gli riesce meglio. C’è più consapevolezza dei miei mezzi e da qui alle Olimpiadi di Tokyo punto a infrangere la barriera dei 20 secondi e magari a raggiungere il mito Mennea. So che è un grande traguardo, ma il mio primo pensiero sarà quello. Magari un giorno qualcuno inizierà a chiedermi gli autografi, invece che io agli altri!”.

Vince la gara un fenomenale Ramil Guliyev, gia campione del mondo a Londra. Detta legge in 19.76s, ad un soffio dallo storico record europea di Pietro Mennea (19.72 - Citta del messico) correndo il più veloce 200m a livello del mare, mai corso da un europeo.

FINALE PER TAMBERI - S'arrampica fino ad un ampio 2,25 e indica il pettorale col suo cognome su fondo dorato, come a dire: guardatemi, sono proprio io, dovrete fare i conti con me. Vola in finale Gianmarco Tamberi nell’alto agli Europei di Berlino. Appuntamento sabato 11 agosto alle 20. “La prima tappa era la più difficile - commenta - il mio salto era solo decente, non riesco mai a esprimermi come vorrei nel turno di qualificazione perché sono un agonista, penso già alla finale. Ora bisogna guardare avanti e mettere a posto qualche dettaglio tecnico, soprattutto nella rincorsa. La finale sarà più difficile e più emozionante. Lo stadio è fantastico, se l’Italia ci ha vinto un mondiale ci sarà un motivo…”.

Semi Finale amare invece per la due volte campionessa europea dei 400 metriLibania Grenot, che  non sarà al via della finale di Berlino per difendere il suo titolo. È la prima delle escluse con il terzo posto in 51.54, ad appena quattro centesimi dall’ultimo tempo utile per la qualificazione.