Atletica

News
Mercoledì, 08 Agosto 2018 15:03

Berlino. Tortu quinto nei 100m

BERLINO.

La prima giornata dei Campionati Europei di Atletica Leggera si conclude con il quinto posto di Filippo Tortu nei 100m. Il portabandiera azzurro si deve arrendere alla coppia di Britannici, Hughes e Prescod che abbattono la barriera dei 10secondi, correndo rispettivamente in 9.95s e 9.96s, e al Turco (Giamaicano naturalizzato) Harvey, che conclude il podio correndo in 10.01s. Al quarto posto finisce il terzo inglese, Ujaha, che predece Filippo di solo un centesimo di secondo. Tutto il disappunto del Finanziere viene espresso nelle interviste a caldo, dove dichiara : "Sono molto amareggiato perché era la gara più importante dell’anno e semplicemente gli altri sono andati più forte. È la prima bella batosta che prendo. A me sembra di aver corso bene, ero rilassato. Negli ultimi metri, poi, ho mollato quando ho visto che erano andati via. Oggi non era importante il tempo, contava vincere o prendere una medaglia. Non è stato così e sono proprio arrabbiato. Adesso dobbiamo pensare a correre la staffetta”. Tutti i nostri complimenti vanno a Filippo e al suo staff per la splendida stagione, che non può essere macchiata solo per una gara non all'altezza delle aspettativa. Il futuro è suo!

In mattinata abbiamo assistito alla grande marcia dei due Cinquantisti (50km), Marco De Luca, e Andrea Agrusti, che concludono alla decima ed undicesima posizione. De Luca si sfoga così nel post gara: “Questo decimo posto non mi soddisfa, puntavo a ben altroe sono veramente tanto deluso. Il ritmo all’inizio non era veloce, quindi non mi rimprovero di essere stato davanti, anzi cercavo il più possibile di essere regolare, senza fare strappi. Su un percorso un po’ nervoso per le mie caratteristiche, purtroppo ho iniziato presto ad avere problemi dal punto di vista muscolare. La preparazione era andata bene, con lavori che non avevo fatto neanche in passato, e non sono uno che si accontenta di arrivare decimo”.

Diverso il punto di vista del neo arruolato Agrusti che si dice molto soddisfatto invece della sua gara.

Era anche il giorno del quattrocentista a ostacoli Bencosme, che ci prova e non vuole lasciare niente di intentato. Stasera, rispetto alla batteria di ieri, il 26enne piemontese delle Fiamme Gialle scatta in modo nettamente più deciso. Poi una piccola incertezza sull’ottava barriera, una meno lieve sull’ultima e chiude così al quinto posto nella prima semifinale in 49.86, a meno di tre decimi dal primato stagionale (49.58) realizzato a fine giugno nei Giochi del Mediterraneo di Tarragona. “Sono stanco di venire in queste manifestazioni - dichiara Bencosme - e fermarmi in semifinale. L’unica cosa che posso dire è che andrò avanti, non è questo che penso di valere”. 

Fa sul serio anche Ahmed Abdelwahed, l’argento degli Europei U23 di Bydgoszcz della scorsa stagione. Quinto tempo complessivo con 8:28.80 e una condotta di gara matura, sempre nelle prime posizioni del gruppo per meritarsi la "Q". “Ho pagato la mattina e le gambe stanche ma la differenza l’hanno fatta tutti gli amici che mi son veduti a vedere e quelli che mi hanno guardato da Camerino”, commenta. È una conferma per la 22enne matricola romana delle Fiamme Gialle, seguito da Roberto Scalla nelle Marche, dopo il netto miglioramento del 14 luglio a Courtrai (Belgio) con il PB di 8:26.02.