Stampa questa pagina
Partenza della gara di marcia Scudo Nelli Partenza della gara di marcia Scudo Nelli

La Guardia di Finanza fece il suo ingresso nel mondo dell’atletica leggera nel 1921, quando una squadra di finanzieri partecipò allo "Scudo Nelli", gara di marcia a squadre dell’epoca, assai prestigiosa ed importante. I finanzieri ottennero i tre successi parziali, necessari per aggiudicarsi definitivamente il trofeo negli anni 1922, 1925 e 1928. Nel 1931, con il Gruppo Atletico affiliato alla Federazione Italiana di Atletica Leggera e con gli atleti regolarmente tesserati, si creava a poco a poco il Gruppo Sportivo vero e proprio. Negli anni 40/50 giunsero le prime affermazioni di rilievo con uomini del calibro di Michele Tito, velocista, bronzo nella 4x100 alle Olimpiadi di Londra nel ‘48, di Gianni Corsaro, marciatore di talento, settimo alle stesse Olimpiadi nei 10 km; Giulio Chiesa, più volte campione e primatista italiano nel salto con l’asta e decimo alle Olimpiadi di Melbourne ‘56; Vincenzo Lombardo, velocista di gran classe, quarto nella 4x100 alle Olimpiadi di Melbourne, più volte campione e primatista italiano nella velocità. Il primo scudetto fu conquistato nel 1956. Seguirono, negli anni Sessanta, molteplici affermazioni individuali e di squadra: Campioni Italiani di Società ininterrottamente dal ‘67 al ‘71 compreso.

Erano gli anni di Giannattasio, Simeon, Liani, Ardizzone, Pizzi, De Vito, Cramerotti, Buttari, Pontonutti, Azzaro e Busca, tutti straordinari atleti. Poi ancora due scudetti nel ‘73 e nel ‘77. Dieci gli scudetti negli ultimi undici anni: Campioni d’Italia nel 1997, 1998, 1999, 2000, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007. Diciotto titoli in tutto! A livello continentale, nella Coppa Campioni, le Fiamme Gialle hanno ottenuto il primo posto nel 2005 a Lagos (Por), il secondo posto nel 1978 a Wattenscheid Bochum (Ger), nel 1999 ad Atene (Gre), nel 2001 a Madrid (Spa) e nel 2006 a Valencia (Spa). Nel 1998 sono giunte terze, organizzando tra l’altro la manifestazione a Tivoli (Rm). Tra gli altri nomi sono da ricordare: Franco Fava, Mariano Scartezzini, Alfonso Di Guida, Roberto Buccione, Marco Piochi, Paolo Accaputo, Roberto Mazzuccato, Domenico D’Alisera, Michelangelo Arena, Sandro Bellucci, Orlando Bianchini, Pierfrancesco Pavoni, Salvatore Nicosia, Marco Andreini, Antonio Ullo, Marco Martino, Enrico Sgrulletti, Carlo Sonego, Carlo Boccarini, Ashraf Saber, Angelo Cipolloni, Arturo Di Mezza.

Attualmente il I Nucleo può contare sull’apporto agonistico di validissimi atleti di livello internazionale tra cui: Ivano Brugnetti (oro nella 50km. di marcia ai Mondiali del 1999 e oro ai Giochi Olimpici di Atene 2004 nella 20km), Giuseppe Gibilisco (Campione del Mondo nel salto con l’asta a Parigi 2003 con il record italiano di 5.90m e medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Atene 2004), Nicola Vizzoni (argento alle Olimpiadi di Sidney 2000 nel lancio del martello), Luciano Di Pardo (Campione Europeo Under 23 nel '97 a Turku nei 3000 siepi), Fabrizio Donato (primatista Italiano del Salto triplo con 17,60m.), Andrea Giaconi (primatista Italiano dei 110hs. in 13”35), il saltatore in alto Andrea Bettinelli (2,31m. di primato personale), gli sprinter Simone Collio e Massimiliano Donati (presenti ai Giochi Olimpici di Atene nella staffetta veloce ed il primo anche nella gara individuale dei 100m.), Alessandro Cavallaro (Campione Europeo Juniores nel ’99 a Riga nei 200m.) ed i fondisti Francesco Ingargiola (2h08’48” nella maratona bi-Campione del Mondo militare e quinto agli Europei 2006 di Goteborg), Marco Mazza (Campione Europeo under 23 nel ’99 a Goteborg nei 10000m.), Lorenzo Perrone (bronzo agli Europei under 23 nel 2003 nei m. 1500) e Daniele Caimmi (maratoneta di levatura internazionale con un primato personale di 2h08’59"). Inoltre, nel 2001 con l’arruolamento di Ester Balassini, primatista Italiana del lancio del martello, si è concretizzato ufficialmente l’ingresso delle donne nell’attività sportiva della Guardia di Finanza; sono seguiti i reclutamenti della marciatrice Elisa Rigaudo (sesta ai Giochi Olimpici di Atene 2004 nella 20km e bronzo agli Europei di Goteborg 2006), della primatista italiana promesse di salto triplo Simona La Mantia (argento agli Europei under 23 di Bydgoszcz 2003 e oro ad Erfurt 2005), della saltatrice in alto Antonietta Di Martino (argento ai Mondiali di Osaka 2007 e argento agli Europei indoor di Birmingham 2007) e della maratoneta Rosalba Console (argento agli Europei under 23 nel 1999 a Goteborg nei 10000m). Altre affermazioni importanti a livello individuale da sottolineare da parte di atleti gialloverdi sono quelle di: Sandro Bellucci, bronzo alle Olimpiadi di Los Angeles ‘84 nella 50 km di marcia; Pasquale Giannattasio, oro nei 50 metri agli Europei Indoor ‘67; Antonio Ullo, argento e bronzo nei 60 metri rispettivamente agli Europei Indoor ‘84 e ‘87; Erminio Azzaro, bronzo agli Europei ‘69 nell’alto; Ezio Madonia, bronzo nella 4x100 agli Europei ‘94; Ashraf Saber, Campione Mondiale Juniores ‘92 nei 400 metri ad ostacoli ed argento nella 4x400 ai Mondiali Indoor ‘95; Angelo Cipolloni, Ezio Madonia e Giovanni Puggioni, bronzo nella 4x100 ai Mondiali ’95; Fabrizio Mori, primatista Italiano assoluto nei 400hs con 47”54, Campione Mondiale nel 1999 a Siviglia e argento a Edmonton 2001. Le Fiamme Gialle vantano un’eccellente tradizione nella marcia, dove sono stati conquistati ben 40 scudetti tricolori di società e nel ’96 hanno vinto la 1^ Coppa Europa di marcia per Club.

L’Atletica Fiamme Gialle ha ricevuto la Stella d’Oro al merito sportivo da parte del CONI nel 1975.