Get Adobe Flash player
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

La Federazione Internazionale Tiro assegna a Campriani il titolo di atleta dell’anno

Prestigioso riconoscimento per Niccolò Campriani da parte della ISSF (International Shooting Sport Federation). E' la seconda volta che Campriani vince il premio come miglior tiratore dell’anno (nel 2012 il primo riconoscimento) per cui è riuscito ad eguagliare un altro grande campione del tiro a segno: Roberto Di Donna (94 e 96 gli anni in cui gli è stato assegnato l’autorevole riconoscimento). Campriani ha commentato “ancora una volta la ISSF mi ha colto di sorpresa assegnandomi questo premio. Le prestazioni alle Olimpiadi di Rio sono state incredibili ma non posso dire lo stesso per il resto della stagione. Voglio ringraziare la federazione per aver riconosciuto i miei sforzi e tutte le persone che mi hanno sostenuto in questo viaggio”  

La Sezione Tiro con Campriani e Di Donna alla scuola "Giordano Bruno"per la terza edizione del progetto "Proviamo a fare centro"


Si è svolta, presso l'aula magna dell'Istituto Giordano Bruno di via Bufalotta a Roma, alla presenza di 250 alunni delle scuole romane, la fase finale del progetto Tiro/Scuole romane. La terza edizione di questo progetto ha coinvolto le quattro scuole romane "Aristofane", "Enzo Rossi", "Von Neuman" e "Giordano Bruno". Presenti tredici docenti, il Preside del Giordano Bruno, Dott. Paolo Di Palis, il Dott. Antonino Mancuso dell'Ufficio Scolastico Regionale, il Comandante del II Nucleo Atleti, Capitano Giovanni Conti, e tutta la squadra della Sezione Tiro Fiamme Gialle. Quattro le fasi salienti che hanno caratterizzato l'evento:

Una fase agonistica nella quale 45 studenti selezionati hanno preso parte a una gara con i simulatori di tiro di pistola; ha vinto la competizione Matteo D'Ascanio (Aristofane), secondo classificato Melania Ster (Giordano Bruno) e terzo Davide Ferri (Von Neuman). La gara a squadre è stata vinta dagli studenti dell' "Aristofane".
Conferenza con Niccolò Campriani; numerose le domande rivolte al tiratore che, come al solito, ha soddisfatto tutti con le sue semplici e sapienti risposte.
Sfida olimpica in cui 9 studenti hanno affrontato il protagonista di Rio De Janeiro con uno scontro diretto di un colpo; una carabina l'attrezzo sportivo utilizzato sempre con l'ausilio del simulatore e due dei coraggiosi ragazzi sono riusciti a battere il Campione.
Premiazione per numerosi studenti con numerosi gadget delle "Fiamme Gialle". Durante l'evento sono intervenuti Il Dirigente Prof. Paolo Di Palis e il Dott. Antonino Mancuso che hanno commentato il progetto e i suoi obiettivi evidenziando, tra l'altro, la necessaria coordinazione tra le scuole, il Centro Sportivo della Guardia di Finanza e l'Ufficio Scolastico Regionale per la realizzazione della manifestazione.

 

Campionati Seniores di tiro: doppietta per De Nicolo con la carabina libera tre posizioni ( 31 titoli assoluti)

Marca Fiamme Gialle anche nella terza specialità olimpica di carabina, la 3 posizioni. Marco De Nicolo, ancora lui, stravince e conquista il trentunesimo titolo assoluto. Nei 120 colpi di gara si qualifica in terza posizione (1165 punti) ad un solo punto dai primi due, Enrico Pappalardo e Simon Weithaler. Nella finale però, al termine dei 45 colpi, è primo grazie all'ottimo punteggio di 455,6 a ben 4,4 punti dal secondo il marinaio Enrico Pappalardo.

Assoluti di tiro a segno: Oro per De Nicolo con la carabina ad aria compressa

Bella prestazione di Marco De Nicolo con la carabina ad aria compressa con la quale nel poligono di Bologna ha vinto la medaglia d'oro confermando il titolo vinto lo scorso anno. Una finale avvincente tra il nostro portacolori e gli altri tiratori entrati in finale. Questa volta De Nicolo non si lascia sorprendere e conduce una superfinale che gli permette di aggiudicarsi il metallo piu prezioso grazie ai 206,6 punti contro i 205,8 del secondo classificato l'atleta delle Fiamme Oro Lorenzo Bacci.

Assoluti di tiro a segno: argento per Francesco Bruno con la pistola libera

Francesco Bruno conquista la medaglia d'argento nella specialità olimpica della pistola libera con il punteggio di 187,7. L'atleta pugliese inizia bene la finale con dei colpi precisi e importanti che lo collocano subito in testa, fino al penultimo colpo. Negli ultimi tiri la precisone non è più la stessa  e qualche errore di troppo gli fa perdere il gradino piu alto del podio a vantaggio dell'atleta dell'Esercito Giuseppe Giordano, che conclude con 188,4 punti. Medaglia di bronzo a Dario Di Martino, atleta della Forestale.