Get Adobe Flash player
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

9 medaglie per le Fiamme Gialle ai Campionati Italiani Assoluti di Judo 2017

Si sono conclusi i Campionati  Italiani Assoluti, svoltisi presso il Palapellicone di Ostia, nel corso dei quali il team gialloverde ha ottenuto importanti successi, conquistando ben 9 medaglie su 10 atleti in gara (2 ori, 2 argenti e 5 bronzi). Il primo a salire sul gradino più alto del podio è stato Giuliano Loporchio il quale, battendo in finale il suo compagno di squadra Vincenzo D’Arco, si è laureato per il secondo anno consecutivo Campione Italiano Assoluto nei 100 kg (argento, dunque, per Vincenzo D’Arco). L’altro titolo italiano, nella cat. +78 kg, è stato ottenuto da Assunta Galeone, anche in questo caso il successo è arrivato alla fine di uno scontro diretto con l’altra atleta gialloverde in gara nella medesima categoria, Valeria Ferrari (argento).  A completare il bottino di medaglie per le Fiamme Gialle sono arrivati i cinque bronzi di Gabriele Sulli (cat. -66 kg), Martina Lo Giudice (cat. -57), Emanuele Bruno (cat. -73 kg), Andres Felipe Moreno (cat. +100 kg.) e Alice Bellandi (cat. -70 kg). 

A Ostia i Campionati Italiani Assoluti 2017


Sabato (gare maschili) e domenica (gare femminili) prossimi sono in programma al PalaPellicone di Ostia, i Campionati Italiani Assoluti di judo 2017. Saranno 10 (5 donne e 5 maschi) gli atleti delle “Fiamme Gialle” che proveranno a salire sul podio. Assenti per infortunio Edwige Gwend ed Elios Manzi.

Questi i judoka delle “Fiamme Gialle” in gara, seguiti a bordo tatami da Massimo Sulli e Ylenia Scapin:

 

Sabato 04 febbraio

-  Gabriele Sulli           - 66 kg;

-  Emanuele Bruno      - 73 kg;

-  Giuliano Loporchio    - 100 kg;

-   Vincenzo D’Arco      - 100 kg;

-   Andres F.  Moreno     + 100 kg.

 

Domenica 05 febbraio

-    Miriam Boi                - 57 kg;

-    Martina Lo Giudice    - 57 kg;

-    Alice Bellandi            - 70 kg;  

-    Valeria Ferrari            - 78 kg;

-    Assunta Galeone       - 78 kg;

A Monza le ragazze delle Fiamme Gialle si laureano per la quinta volta consecutiva Campioni d'Italia. Medaglia di Bronzo in campo maschile.

 

Straordinaria impresa delle judoka gialloverdi che, a Monza, si sono laureate Campioni d'Italia 2016 nonostante il pesante handicap dell'assenza di un "peso" (-52 kg). In pratica in tutti gli incontri, disputati al meglio di cinque combattimenti, si partiva da meno 1. Miriam Boi e Martina Lo Giudice, che si sono alternate a -57 kg, portavano il pesante fardello di recuperare subito, perché il fossato non diventasse voragine. Le nostre ragazze hanno risolto brillantemente vincendo sempre. Per Galeone e compagne quello di quest'anno è il quinto scudetto consecutivo, un filotto da consegnare alla storia del judo italiano, difficilmente migliorabile in futuro da altre società. La finale, ormai un classico, si è disputata contro Akiyama di Settimo Torinese, forte anche di due prestiti stranieri. Le nostre ragazze non si sono abbattute per questo. Martina Lo Giudice, che dopo il grave infortunio al ginocchio che l'ha condotta sotto i ferri e costretto a una lunga e dura riabilitazione, é ritornata sul tatami per un incontro gia' decisivo. Probabilmente Martina aveva nelle gambe un solo combattimento (i tecnici l'hanno capito, alternandola a Miriam Boi) e ha dato una dimostrazione di classe cristallina e carattere, rimettendo in carreggiata l'incontro. Poi ci ha pensato Edwige Gwend, che possiede le stimmate della fuoriclasse, allungare sul 2 a 1, disponendo dell'ungherese Szabo con assoluta nonchalance. Una sicurezza, Edwige, un autentico punto di riferimento. Ormai dopo Assunta Galeone è la nostra atleta con più esperienza. Al quarto incontro Alice Bellandi, fresca diciottenne ed esordiente in una grande competizione con le "Fiamme Gialle", aveva un compito proibitivo contro l'olandese, naturalizzata georgiana, Stam e ha dovuto cedere alla maggior esperienza dell'avversaria. Ha ben combattuto, Alice, realizzando, in semifinale, un ippon solare che ha messo al sicuro il risultato è garantito l'accesso della squadra. Niente emozione, insomma, solo carattere. Brava e benvenuta. Sul 2 a 2 è toccato al nostro capitano di mille battaglie, Assunta Galeone, decidere il match e l'ha fatto alla sua maniera. Susi si è presa incontro e scudetto con la sicurezza dei campioni. Nessuna chance per la pur brava Rosetta. Combattimento duro e teso, però mai in discussione. Al termine l'apoteosi per il quinto scudetto consecutivo, sudato e meritatissimo. Eccezionali anche i maschi, medaglia di bronzo dopo una semifinale tiratissima e persa di stretta misura, pur dovendo regalare, anche loro come le ragazze, un peso (-81 kg) agli avversari.

Leggi tutto...

A Monza i Campionati Italiani a squadre maschili e femminili

Si svolgeranno domani, sabato 26, le finali, maschili e femminili, dei Campionati Italiani a Squadre che assegneranno gli scudetti 2017. Le "Fiamme Gialle" prenderanno parte a entrambe le competizioni. Queste le squadre che saliranno sul tatami, sotto la direzione dei due tecnici, Massimo Sulli e Ylenia Scapin.

 

SQUADRA MASCHILE
Gabriele Sulli, Emanuele Bruno, Antonio Ciano, Giuliano Loporchio e Vincenzo D'Arco.
 
SQUADRA FEMMINILE
Martina Lo Giudice, Miriam Boi, Edwige Gwend, Alice Bellandi, Assunta Galeone e Valeria Ferrari.
 
Antonio Ciano e Assunta Galeone i capitani di lungo corso delle due, peraltro molto  giovani, compagini gialloverdi che cercheranno di farsi valere. Le ragazze difendono il titolo da campioni in carica ( quarto scudetto consecutivo quello del 2015) mentre i ragazzi l'anno scorso sono saliti sul podio (medaglia di bronzo).
 

Emanuele Bruno e Valeria Ferrari conquistano due bronzi all'European Cup di Malaga

Sono arrivate due medaglie di bronzo nelle due giornate di gara all'European Cup di Malaga.  A conquistarle sono stati Emanuele Bruno, nella categoria -73 kg, e Valeria Ferrari nella categoria -78 kg. Bruno è  riuscito a salire sul gradino più basso del podio al termine di una gara estenuante,  che l'ha visto vittorioso in 5 incontri su 6 disputati. L'atleta gialloverde  Valeria Ferrari, invece, ha battuto la britannica Moon, prima di cedere alla tedesca Bande (poi oro), successivamente ha superato la tedesca Krause ed in finale la connazionale Lucia Tangorre.