Get Adobe Flash player
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Campionati Italiani Paralimpici indoor: record nazionale per Martina Caironi nel salto in lungo

Durante la giornata conclusiva dei Campionati Italiani Paralimpici indoor, manifestazione della durata di tre giorni che si é svolta presso il Banca Marche Palas di Ancona a partire da venerdì 24 marzo, sono stati assegnati gli ultimi titoli tricolori. Il miglior risultato tecnico di tutta la manifestazione é stato ottenuto dalla portacolori delle Fiamme Gialle Martina Caironi che, dopo aver conquistato l'ennesimo titolo nazionale sui 60 metri, ha replicato anche nel salto in lungo, migliorando il proprio primato nazionale di specialità di ben 36 centimetri.

Martina Caironi, oro alle Paralimpiadi di Rio sui 100 metri e medaglia d'argento nel lungo nella categoria T42, al terzo salto di giornata é atterrata a 4,50 riscrivendo il suo record personale e nazionale datato 2015.

Francesco Fortunato campione italiano della 20 km. di marcia

Francesco Fortunato (Ph. FIDAL/Colombo)Stamattina sulle strade di Cassino (FR) Francesco Fortunato si è laureato per la prima volta nella sua giovane carriera Campione Italiano nella 20km. di marcia con il tempo di 1h22’04”, circa un minuto in meno rispetto al suo precedente primato personale e soprattutto standard per i prossimi campionati mondiali che avranno luogo a Londra dal 4 al 14 agosto. Il ventiduenne, originario di Andria, conquista così il suo quarto titolo italiano assoluto dopo gli allori indoor sui 5km. del 2016 e del 2017 e la vittoria sui 10km. in pista dello scorso giugno a Rieti. Ottimi terzo Marco De Luca, specialista della 50km. e al rientro dopo uno stage in altura, con 1h23’08” e quarto Giorgio Rubino che dà un segnale di ripresa dopo una stagione difficile e il cambio di guida tecnica con 1h23”27. A livello giovanile da segnalare la prestazione delle gemelle Mirabello giunte seconda, Angelica, e terza, Anthea, nella gara riservata alle under 20 e che proprio sulle strade di casa hanno fatto il loro esordio sulla distanza olimpica. Nelle classifiche a squadre primo posto momentaneo delle Fiamme Gialle nella graduatoria assoluta e primo posto sia al maschile che al femminile per le Fiamme Gialle G. Simoni nella under 20.

Gubbio, Campionati Italiani di corsa campestre: argento per il team assoluto e per gli allievi. Rosalba Console 1h12' alla Roma - Ostia

Nello splendido scenario del parco archeologico e del teatro romano di Gubbio (Perugia) si é svolta quest'oggi l'edizione 2017 del Campionato italiano individuale e di società di corsa campestre.
La formazione maschile delle Fiamme Gialle, composta dai due gemelli Lorenzo e Samuele Dini, dal siepista olimpionico Yuri Floriani e dai mezzofondisti Patrick Nasti e Ahmed El Mazoury, si è presentata particolarmente compatta, ottenendo un secondo posto di squadra alle spalle del Centro Sportivo Esercito.
Il migliore dei finanzieri in gara è stato Lorenzo Dini che ha concluso in undicesima piazza (quinto tra gli italiani), seguito ad una manciata di secondi dal gemello Samuele (14^ - 7^ tra gli italiani) e da Yuri Floriani (15^ - 8^ tra gli italiani). A livello di team il C.S. Esercito si è imposto con 18 punti, davanti al team gialloverde (35 punti) e alla squadra dell'Atletica Casone Noceto (51 punti).

Ottimo risultato di squadra anche per la compagine under 18 che conquista un inaspettato secondo posto nella classifica a squadre alle spalle dei modenesi della Fratellanza. Mattia Manna, 24^, Federico Zona, 33^, Federico Nobili, 36^, e Federico Riva, 57^, i quattro "moschettieri" componenti della squadra. 

Nel corso della mattinata si è svolta anche la celebre mezza maratona della Roma - Ostia che ha visto la presenza della portacolori delle Fiamme Gialle Rosalba Console. La trentasettenne, campionessa italiana in carica dei 10000 e azzurra agli ultimi Campionati Europei di Amsterdam, è stata la prima atleta italiana a tagliare il traguardo, concludendo la sua prova in settima posizione con il buon crono di 1h12'19".

Gran Canaria, Coppa Europa di lanci: Mauro Fraresso 77,98 metri di giavellotto. Daniele Secci al primato personale nel peso

Nell'isola di Gran Canaria (Spagna) si è svolta, sabato 11 e domenica 12 marzo, la Coppa Europa lanci 2017.
Per le Fiamme Gialle sono stati convocati in nazionale Mauro Fraresso (lancio del giavellotto), Sydney Gianpietro (getto del peso Under 23), Daniele Secci (getto del peso) e Giulio Anesa (lancio del disco Under 23), che hanno portato a termine un'ottima trasferta, onorando pienamente la maglia azzurra. Quello che si è messo più in luce tra i quattro finanzieri è stato sicuramente il giavellottista Fraresso che ha concluso la sua gara in quarta posizione con un miglior lancio a 77,98 metri, incrementando di quasi 4 metri il precedente primato personale e divenendo di fatto il decimo italiano di tutti i tempi nella specialità.

Ottima prova anche per l'allievo finanziere Giulio Anesa che nel lancio del disco si è classificato nono tra gli Under 23 con il nuovo record personale di 55,53 metri.

Primato personale all'aperto anche per il romano Daniele Secci che ha scagliato il peso a 19.42 metri, classificandosi in decima posizione.
Grazie ai risultati dei tre finanzieri, combinati con quelli degli altri componenti del team azzurro, la formazione maschile della nazionale assoluta italiana ha ottenuto una storica vittoria in questa manifestazione.

A livello femminile, la giovanissima Sydney Giampietro, nel getto del peso si è classificata in quinta posizione tra le Under 23 con la misura di 15,17 metri, pur essendo di tre anni più piccola rispetto a quasi tutte le altre concorrenti.

Euroindoor di Belgrado: Donato d'argento!

Fabrizio Donato (PH. Colombo/FIDAL)Stiamo cercando di trovare le parole e gli aggettivi adatti per descrivere questa nuova impresa di Fabrizio Donato….ma, sinceramente, risulta sempre più difficile essere originali e quindi ci limitiamo a raccontare senza troppa enfasi ciò che si è appena concluso alla Kombank Arena di Belgrado. Ore 16.04 si presentano in pedana i nove finalisti della gara di salto triplo a questa edizione di Campionati Europei Indoor, tra loro c’è anche il capitano della nazionale azzurra Fabrizio Donato. Primo salto interlocutorio a poco meno di 16 metri, così tanto per finire il riscaldamento. Secondo salto: l’apoteosi a 17.13 e Fabrizio balza al comando della gara. Al terzo tentativo il portoghese Nelson Evora, anche lui navigato ed esperto triplista, salta 17.20 e scalza il nostro campione dal primo posto momentaneo. La scarsa preparazione dell’ultimo mese suggerisce di non forzare la mano e lasciare le poche residue energie per l’ultimo tentativo, anche perché tutti gli avversari più temibili non riescono a trovare la via del salto “giusto”. Ultimo tentativo a 16.43 ma è medaglia d’argento, a 40 anni e passa, una vera leggenda, simbolo dell’atletica italiana e vero esempio di professionalità. GRANDE E GRAZIE FABRIZIO! In contemporanea alla finale del salto triplo si è svolta la finale dei 3000 metri femminili con al via la nostra Giulia Viola, settima al traguardo con il personale di 8:56.19; quattro centesimi di miglioramento al prorpio pesonal best (sesta italiana di sempre), che servono però a sancire il pieno ritorno della trevigiana dopo i lunghi mesi trascorsi lontano dalle piste per infortunio. Anche per Giulia un ottimo risultato soprattutto in ottica del proseguio della preparazione per gli appuntamenti estivi.

Risultati